Strudel con mele e noci

Difficoltà
Costo
Tempo di preparazione
35 min
Tempo di cottura
50 min
Tempi aggiuntivi
1 ora di lievitazione
Calorie a porzione
395 kcal

Indice dei Contenuti

Difficoltà
Costo
Tempo di preparazione
35 min
Tempo di cottura
50 min

Ingredienti

Dosi per

1 strudel da 6 porzioni
  • Pasta sfoglia

  • Pasta sfoglia light

  • Per l'impasto





    Per il ripieno










    1. Amalgamate la farina, lo zucchero e una presa di sale; versate poca acqua tiepida, l’uovo e il burro morbido. Lavorate a lungo, formate una palla, coprite con un panno e fate riposare per un’ora.
    2. Fate rinvenire l’uvetta nel rum; nel frattempo tritate grossolanamente le noci, le nocciole e i pinoli. Lavate e sbucciate le mele, tagliatele a fettine sottili e spruzzatele con il succo di limone.
    3. In una casseruola fate sciogliere il burro, quindi versate le mele, l’uvetta ben strizzata, il trito di frutta secca e la cannella. Cuocete per pochi minuti a fiamma bassa, mescolando di continuo.
    4. Tirate l’impasto in una sfoglia sottile su un telo infarinato. Distribuite al centro il ripieno, arrotolate la pasta aiutandovi con il telo e spennellate con burro fuso.
    5. Adagiate lo strudel in una teglia imburrata e infarinata e cuocete in forno caldo a 180°C per 50 minuti; spolverate con zucchero a velo e servite.

    Come resistere al profumo di una bella fetta di strudel caldo golosamente farcito? Che si tratti di una festa di compleanno, di un incontro tra amici, di una ricorrenza speciale, lo Strudel con mele e noci è una di quelle ricette di dolci farciti preparati in forno che non passa mai di moda, e non avanza mai! In tutte le sue varianti (dagli strudel a base di pasta frolla a quelli preparati con pasta sfoglia o pasta matta) questa preparazione dolce, delicata e gustosa, rimane una delle più apprezzate e richieste da grandi e bambini. Per non parlare dei grandi chef che ne hanno fatto la base per infinite variazioni sul tema, raffinate e squisite, dolci e salate. E’ una ricetta originariamente turca, passata dall’Ungheria in Austria, e quindi in Italia, attraverso l’Impero Ottomano e poi quello austro ungarico: agli ingredienti del dolce turco originario (Baclava) fu aggiunto il jolly che poi lo ha reso celebre nel mondo: le mele. Oggi, lo Strudel è sinonimo di dolce altoatesino, diffuso com’è in Trentino Alto Adige e nelle zone alpine della confinante Austria, terre delle mele (la ricetta originale prevede l’uso delle renette) e dei segreti dolciari tramandati di generazione in generazione. E se proprio non riuscite a volare verso Vienna per gustarvi uno Strudel “original” in un caffè… provate la ricetta di Spadellandia, senz’altro più economica e veloce! Magari accompagnate il vostro Strudel con una salsina a base di vaniglia, o una crema inglese calda per un concentrato di frutta, zucchero e tentazione golosa che manderà in vacanza la dieta ma vi metterà un gran buonumore! 

    Ricetta di Rossana Secchi
    {{ reviewsTotal }}{{ options.labels.singularReviewCountLabel }}
    {{ reviewsTotal }}{{ options.labels.pluralReviewCountLabel }}
    {{ options.labels.newReviewButton }}
    {{ userData.canReview.message }}

    Le ricette del giorno 21 aprile 2024

    Lista della spesa

    Inviati per email un promemoria degli ingredienti da acquistare