Miascia

Difficoltà
Costo
Tempo di preparazione
20 min
Tempo di cottura
1 h
Tempi aggiuntivi
2 ore di riposo
Calorie a porzione
445 kcal

Indice dei Contenuti

Difficoltà
Costo
Tempo di preparazione
20 min
Tempo di cottura
1 h

Ingredienti

Dosi per

1 torta da 8 porzioni













• Tagliate a pezzetti il pane raffermo e fatelo ammorbidirenel il latte caldo per 2 ore circa, finché si sarà ammorbidito.

• Mettete anche l’uvetta in ammollo con acqua tiepida per un’ora.

• Sbattete in una ciotola le uova con lo zucchero e un pizzico di sale usando un le fruste elettriche, finché saranno chiare e spumose.

• Unite il pane ormai morbido e ben strizzato, l’uvetta scolata e asciugata (conservatene un paio di cucchiai per la copertura), la farina 0, la farina di mais e mescolate bene con una spatola.

• Sbucciate le mele e le pere, tagliatele a cubetti piccoli e aggiungetele al composto preparato. Unite anche la scorza del limone grattugiata, senza la parte bianca che è amarognola, e mischiate.

• Foderate con carta da forno uno stampo da 26 cm di diametro e versatevi il composto preparato, livellandolo con una spatola. Cospargete la superficie con l’uvetta avanzata, gli aghi del rosmarino e fiocchetti di burro.

• Cuocete la torta in forno statico già caldo a 180°C per 20 minuti, poi abbassate la temperatura a 160°C e continuate la cottura per altri 40-45 minuti circa. Fate sempre la prova dello stecchino che dovrà uscire umido ma non appiccicoso dopo averlo inserito al centro: nel caso prolungate la cottura di qualche minuto, ripetendo la prova.

• Sfornate la miascia, toglietela dallo stampo, fatela raffreddare e servitela.

Quante torte squisite e sfiziose, semplici, economiche e veloci, si possono preparare con il forno? La Miascia è una di queste! In passato i dolci erano in tavola solo nelle feste importanti, la domenica, nelle ricorrenze speciali (Pasqua, Natale), e venivano preparati con pochi e semplici ingredienti della dispensa. Oggi, che sono diventati una presenza quotidiana sulla tavola di adulti e bambini (dolcetti, merendine, ecc.), è bello riscoprire il gusto delle torte casalinghe, di quei dolci genuini e ricchi che non hanno nulla da invidiare ai dessert della più raffinata pasticceria, non passano mai di moda, e soprattutto non contengono conservanti o coloranti! La Miascia non vi stancherà mai: fragrante e golosissima, è ottima per il risveglio della colazione, o per la merenda dei bambini che ne vanno ghiotti. La Miascia si presta ottimamente per rallegrare, insieme a un buon tè o una cioccolata bollente, un pomeriggio con gli amici. Se siete in cerca di un’idea golosa per un’occasione speciale, la Miascia fa sicuramente per voi. E la festa del gusto abbia inizio!

I consigli di Carla

• Per ottenere un sapore più sfizioso, aggiungete nell’impasto un bicchierino di Amaretto di Saronno, 50 g di amaretti sbriciolati e un paio di cucchiai di pinoli, tostati leggermente in padella (senza però farli scurire troppo) e fatti raffreddare.

• Accompagnate la vostra miascia con un bicchierino di Amaretto di Saronno.

• Il giorno successivo la torta sarà ancora più buona. Mantenetela in frigo, mettendola a temperatura ambiente un’ora prima di gustarla.

Ricetta di Carla Marchetti
{{ reviewsTotal }}{{ options.labels.singularReviewCountLabel }}
{{ reviewsTotal }}{{ options.labels.pluralReviewCountLabel }}
{{ options.labels.newReviewButton }}
{{ userData.canReview.message }}

Lista della spesa

Inviati per email un promemoria degli ingredienti da acquistare