Pesce San Pietro marinato con porri

Difficoltà
Costo
Tempo di preparazione
15 min
Tempo di cottura
20 min
Tempi aggiuntivi
15 minuti di riposo
Calorie a porzione
345 kcal

Indice dei Contenuti

Difficoltà
Costo
Tempo di preparazione
15 min
Tempo di cottura
20 min

Ingredienti

Dosi per

4 porzioni







  1. Preparate un’emulsione mescolando l’olio, il succo di limone e un pizzico di sale e pepe e versatela sui filetti di pesce; lasciate insaporire per almeno 15 minuti.
  2. Nel frattempo mondate i porri, lavateli e incideteli per il lato lungo senza dividerli completamente.
  3. Mettete una teglia abbastanza larga sul fuoco, versatevi un po’ d’acqua e, quando bolle, lessatevi i porri per 7-8 minuti, fino a quando non risulteranno morbidi.
  4. Scolate i porri e asciugateli con un panno pulito. Spennellateli con un filo d’olio, trasferiteli in una padella e fateli insaporire 1 minuto per lato; salateli leggermente.
  5. Ponete il forno a 180°C in funzione grill e, quando sarà caldo, adagiate i filetti di pesce sgocciolati dalla marinatura direttamente sulla griglia (sotto posizionate una teglia per raccogliere il liquido di cottura.) Cuocete circa 10 minuti girando il pesce a metà cottura, con molta attenzione perché si potrebbe rompere e irrorandolo con il liquido raccolto; poi servitelo ben caldo accompagnato dai porri.

Noi di Spadellandia non vediamo l’ora di smentire il famoso detto che vede il pesce come alimento delicato da cuocere, difficile da comprare, facile da rovinare. E per convincere i più scettici e coloro che si spaventano facilmente di fronte a un menu “tuttopesce”, vi proponiamo questo sfizioso, veloce e facile secondo al forno. Sfiziosa e originale, questa ricetta non può mancare sulla tavola, sia nel menu settimanale, sia in quello delle grandi occasioni. Il Pesce San Pietro marinato con porri è un profumatissimo piatto che sprigiona tutto il sapore della brezza marina, sicuramente apprezzato anche dai palati più raffinati, magari servito con un bouquet di verdurine di stagione cotte al vapore condite con una salsa delicata e inusuale. Il Pesce San Pietro marinato con porri è oltretutto un vero e proprio toccasana se è vero che il suo ingrediente principe è infatti povero di grassi, risulta di facile digeribilità (2, 3 ore per i pesci molto magri) e presenta una gamma di vitamine minerali (fosforo, ferro, iodio) e acidi grassi polinsaturi che non si trovano facilmente negli altri cibi. Spadellandia vi invita a variare il tipo di pesce per provare versioni via via diverse di questa ricetta e, se il tempo è poco, di optare per la qualità surgelata. Infine, per una versione raffinatissima del San Pietro marinato con porri, vi consigliamo di condire questo piatto con del sale rosa dell’Himalaya, uno tra i più ricchi di oligoelementi e il meno raffinato in commercio. Potete servire il vostro San Pietro marinato con porri  anche in pirofiline da porzione, per un’idea creativa “finger food”, il cibo da spilluzzicare in un buffet o apercicena. 

I consigli di Lia

● Se non lo trovate, potete sostituire il pesce San Pietro con la sogliola o il rombo, che hanno carni molto simili sia come consistenza che come sapore, che si prestano perciò a preparazioni simili. 

Ricetta di Lia Pisano
{{ reviewsTotal }}{{ options.labels.singularReviewCountLabel }}
{{ reviewsTotal }}{{ options.labels.pluralReviewCountLabel }}
{{ options.labels.newReviewButton }}
{{ userData.canReview.message }}

Le ricette del giorno 28 maggio 2024

Lista della spesa

Inviati per email un promemoria degli ingredienti da acquistare