Strudel di uva e mandorle

Difficoltà
Costo
Tempo di preparazione
30 min
Tempo di cottura
1 h
Tempi aggiuntivi
1 ora di riposo
Calorie a porzione
420 kcal

Indice dei Contenuti

Difficoltà
Costo
Tempo di preparazione
30 min
Tempo di cottura
1 h

Ingredienti

Dosi per

1 strudel da 8 porzioni
  • Pasta sfoglia

  • Pasta sfoglia light

  • Per l'impasto





    Per il ripieno







    Per la decorazione

    1. Preparate l’impasto. Togliete il burro dal frigo e tagliatelo a pezzettini perché si ammorbidisca più velocemente.
    2. Setacciate la farina, poi aggiungete lo zucchero semolato e un po’ di sale; unite l’uovo, il burro ammorbidit, qualche cucchiaio di acqua calda, e lavorate fino a ottenere un impasto morbido. Formate una palla, oliatela, copritela con una ciotola calda, e fate riposare per un’ora all’asciutto.
    3. Dedicatevi ora al ripieno. Sgranate l’uva, lavatela, tagliatene una parte a metà e mettetela in una ciotola, insieme agli acini lasciati interi. Tagliate le mele, sbucciatele e riducetele a pezzettini, ponetele in una seconda ciotola e irroratele con il succo di limone.
    4. Aggiungete l’uva e mescolatela alle mele, poi unite le mandorle spezzettate, lo zucchero, i biscotti spezzettati, la cannella e mescolate.
    5. Stendete l’impasto su un telo infarinato e tiratelo in una sfoglia sottilissima, allargandolo con le mani, sempre infarinate: formate un rettangolo di circa 30 cm x 40 cm. Sbriciolate i biscotti al centro, formando un rettangolo parallelo alla parte più corta; appoggiatevi sopra il ripieno, dandogli la forma più o meno di un salame, infine arrotolatevi la pasta intorno, aiutandovi con il telo.
    6. Foderate una teglia con carta da forno, adagiatevi delicatamente lo strudel, spennellatene la superficie il burro (fuso) e cuocetelo in forno già caldo a 180°C (funzione statica) per 50 minuti circa. Servite caldo oppure tiepido, dopo averlo spolverizzato con lo zucchero a velo setacciato.

    Come resistere al profumo di una bella fetta di Strudel di uva e mandorle caldo? Che si tratti di una festa di compleanno, di un incontro tra amici o di una ricorrenza speciale, lo Strudel di uva e mandorle è una di quelle ricette di dolci farciti preparati in forno che non passa mai di moda, e non avanza mai! In tutte le sue varianti (dagli strudel a base di pasta frolla a quelli preparati con pasta sfoglia o pasta matta) questa preparazione dolce, delicata e gustosa, rimane una delle più apprezzate e richieste da grandi e bambini. Per non parlare dei grandi chef che ne hanno fatto la base per infinite variazioni sul tema, raffinate e squisite, dolci e salate. La ricetta è turca, poi passata dall’Ungheria in Austria, e quindi in Italia, attraverso l’Impero Ottomano e poi quello austroungarico: agli ingredienti del dolce turco originario (Baclava) fu aggiunto il jolly che poi lo ha reso celebre nel mondo: le mele. Oggi, lo Strudel è sinonimo di dolce altoatesino, diffuso com’è in Trentino Alto Adige e nelle zone alpine della confinante Austria, terre delle mele (la ricetta originale prevede l’uso delle renette) e dei segreti dolciari tramandati di generazione in generazione. E se proprio non riuscite a volare verso Vienna per gustarvi uno Strudel “original” in un caffè… provate la ricetta dello Strudel di uva e mandorle, senz’altro più economica e veloce! Magari accompagnate il vostro Strudel di uva e mandorle con una salsina a base di vaniglia, o una crema inglese calda per un concentrato di frutta, zucchero e tentazione golosa che manderà in vacanza la dieta ma vi metterà un gran buonumore! 

    I consigli di Carla

    • Se non amate i semini degli acini di uva, tagliate tutti i chicchi a metà e toglieteli: il ripieno risulterà più morbido e sempre gustoso.

    Ricetta di Carla Marchetti
    {{ reviewsTotal }}{{ options.labels.singularReviewCountLabel }}
    {{ reviewsTotal }}{{ options.labels.pluralReviewCountLabel }}
    {{ options.labels.newReviewButton }}
    {{ userData.canReview.message }}

    Le ricette del giorno 25 maggio 2024

    Lista della spesa

    Inviati per email un promemoria degli ingredienti da acquistare