Crepes con crema di mandorle e caramello

Difficoltà
Costo
Tempo di preparazione
20 min
Tempo di cottura
30 min
Tempi aggiuntivi
1 ora di riposo
Calorie a porzione
730 kcal

Indice dei Contenuti

Difficoltà
Costo
Tempo di preparazione
20 min
Tempo di cottura
30 min

Ingredienti

Dosi per

4 porzioni
  • Impasto per Crepes gluten free

  • Per le crepes





    Per la crema





    Per la decorazione



    1. Preparate l’impasto per le crêpes. Setacciate la farina in una ciotola capiente, versatevi il latte poco alla volta, mescolando con la frusta a mano per non formare grumi. Unite le uova e un pizzico di sale, amalgamatele bene e poi trasferite il composto in frigo per almeno un’ora.
    2. Preparate la crema di mandorle. Ponete il cioccolato e il burro in un pentolino e mettetelo a scaldare a bagnomaria finché si è sciolto; mescolate bene per amalgamare gli ingredienti.
    3. Intanto tritate finemente le mandorle insieme allo zucchero col mixer, poi unite il composto farinoso ottenuto al cioccolato fuso; fate cuocere sempre a bagnomaria per 10 minuti circa, mescolando sempre. Aggiungete qualche goccia di aroma di vaniglia e lasciate raffreddare.
    4. Preparate il caramello per la decorazione del piatto. Versate lo zucchero in un pentolino con il fondo spesso e i bordi alti. Cuocetelo su un fornello piccolo in modo che la fiamma non lambisca le pareti; mescolate lentamente con un mestolo in legno. Lo zucchero all’inizio cristallizzerà ma poi, poco alla volta, tornerà liquido. Se vi accorgete che lo zucchero tende a scurire, togliete il pentolino dal fuoco, sempre mescolando; rimettetelo sul fuoco e continuate così finché lo zucchero cristallizzato si sarà sciolto.
    5. Poco prima che lo zucchero sia pronto, a parte fate bollire l’acqua prevista (che sarà circa metà del peso dello zucchero) in un tegamino, spegnete subito e mettete il coperchio.
    6. Quando lo zucchero sciolto ha assunto un colore ambrato, levate il pentolino dal fuoco. Mettete il coperchio, lasciando solo una piccola fessura: versate da lì l’acqua bollente, piano e in varie riprese. Fate molta attenzione, proteggete anche le mani con dei guanti in modo da non scottarvi. Appena il composto smetterà di bollire, mescolate con il mestolo in legno e tenete sul fuoco altri 2 minuti. Fate raffreddare il caramello, che diventerà viscoso.
    7. Tostate leggermente le lamelle di mandorle in una piccola padella antiaderente per pochissimi minuti, a fuoco molto basso, facendo attenzione che non scuriscano troppo; poi trasferitele in un piatto e fatele raffreddare.
    8. Cuocete le crêpes. Riscaldate una padella antiaderente e ungetela con pochissimo olio. Versatevi un po’ di pastella ruotando la padella in modo che il fondo sia ricoperto da uno strato sottile. Dopo 1 minuto circa, girate la crêpe con una spatola e fatela cuocere per un altro minuto; procedete così anche per le altre crêpes. Via via che sono pronte disponetele una sull’altra.
    9. Distribuite la crema di mandorle sulle crêpes e arrotolatele. Infine decoratele con le lamelle di mandorle e con dei fili di caramello.

    Crepes con crema di mandorle e caramello… come poter resistere a questa golosa tentazione? Lo street food per eccellenza, che per tradizione deve finire attaccato alla cappa sopra al fornello, almeno due volte prima di “volare” in aria a dovere ricadendo elegantemente in padella da una altezza di almeno 15 centimetri, è in realtà uno dei dessert più facili da preparare. Le Crêpes con crema di mandorle e caramello sono una preparazione dolce, low cost e veloce, adatta per essere gustata a merenda, per dessert, come spuntino, in compagnia di amici, in occasioni speciali come una festa di compleanno dei bambini. La forma? A mezza luna, ma anche a triangolo, arrotolata o en pannequet. La leggenda che sta dietro alla nascita della famosa cialda che ha fatto impazzire il mondo la fa nascere in Francia nel periodo medievale quando Papa Gelasio, un uomo di grande carità, per sfamare i pellegrini francesi giunti a Roma per la festa della Candelora dopo un lungo viaggio, ordinò che dalle cucine vaticane si portassero uova e farina in quantità. Venne formato un impasto che poi sarebbe stato cotto su piastre roventi dando vita alle prime rudimentali crêpes. Dal quinto secolo a oggi, il successo delle crêpes è stato un crescendo inarrestabile anche per la loro versatilità: partendo dalla preparazione base, le crêpes possono essere trasformate e farcite in mille modi e impiegate in una miriade di preparazioni dolci e salate, veloci e sfiziose, raffinate e rustiche. Forse per questo le crêpes sono un piatto diffuso ovunque nel mondo, con nomi differenti: in Svezia è conosciuto come pannkaka, in Danimarca come pandekage, in Olanda come pannekoek, in Turchia come akitma. Via via i segreti della loro preparazione si sono perfezionati e alcuni punti fermi sono ora fissati: per preparare sfiziose Crepes con crema di mandorle e caramello procuratevi la padella apposita, bassa e con un diametro perfetto, inoltre accertatevi che l’impasto sia omogeneo e privi di grumi, e che riposi per circa due ore. In Francia, dove le crepes sono un simbolo di amicizia e alleanza e vengono servite in occasione della Candelora il 2 febbraio, si usava esprimere un desiderio quando si voltava una crêpe nella padella. Cosa aspettate a esprimere il vostro? Ma mentre pensate a quale desiderio affidare alle vostre Crepes con crema di mandorle e caramello, date il primo morso dopo averle spolverizzate di zucchero a velo!

    I consigli di Carla

    • Per girare le crêpes esiste un sistema piuttosto veloce e sicuro. Quando vedete che il bordo della crêpe diventa appena dorato, provate a sollevarne una parte: se si alza facilmente, basta che lo prendiate con la punta delle dita o con una spatolina lunga e piatta e voltate subito la crêpe cercando di non romperla.

    • L’impasto delle crêpes non deve essere troppo liquido ma nemmeno troppo sodo. L’impasto deve subito espandersi una volta versato nella padella quindi se vi sembra troppo sodo aggiungete del latte.

    • Se nel vostro impasto sono presenti dei grumi usate delle fruste elettriche o filtratelo usando un colino per eliminarli.

    • Potete preparare la crema di mandorle anche con altri tipi di cioccolato. Si conserva in frigo per qualche settimana, chiusa in un contenitore.

    Ricetta di Carla Marchetti
    {{ reviewsTotal }}{{ options.labels.singularReviewCountLabel }}
    {{ reviewsTotal }}{{ options.labels.pluralReviewCountLabel }}
    {{ options.labels.newReviewButton }}
    {{ userData.canReview.message }}

    Lista della spesa

    Inviati per email un promemoria degli ingredienti da acquistare