Cotoletta di platessa in salsa tartara

Difficoltà
Costo
Tempo di preparazione
15 min
Tempo di cottura
10 min
Calorie a porzione
700 kcal

Indice dei Contenuti

Difficoltà
Costo
Tempo di preparazione
15 min
Tempo di cottura
10 min

Ingredienti

Dosi per

4 porzioni





Per la salsa tartara






● Per prima cosa preparate la salsa tartara: tritate molto finemente le olive, i capperi dissalati, i cetriolini, il prezzemolo e l’erba cipollina; versate il trito in una ciotola e mescolatelo con cura alla maionese.

● Sciacquate i filetti di pesce, quindi asciugateli con carta da cucina. 

● In una terrina sbattete le uova e versate il pangrattato in un piatto grande; passate ciascun filetto nella terrina con le uova e poi nel pangrattato, premendo leggermente in modo che aderisca bene.

● In una padella scaldate abbondante olio e tuffatevi 2 filetti alla volta, perché la temperatura dell’olio non si abbassi troppo. Fateli friggere per circa 4 minuti, girandoli a metà cottura.

● Quando i filetti saranno ben dorati scolateli, adagiateli su un piatto con carta assorbente, tamponate l’olio in eccesso e poi salate. Servite i filetti ben caldi accompagnati dalla salsa tartara. 

Un peccato di gola a settimana leva il medico di torno perché fa tornare il sorriso e mette in circolo un po’ di serotonina! Con la ricetta della Cotoletta di platessa in salsa tartara, Spadellandia vi propone una tentazione irresistibile alla quale non riuscirete a resistere, e che farà felicissimi i bambini. Si tratta di un secondo piatto sfizioso, dalla panatura fragrante e asciutta, croccante e golosissima. Veloce e facile da preparare, la Cotoletta di platessa in salsa tartara può essere servita a tutta la famiglia nel menu di tutti i giorni con un misto di verdure fritte per un pasto unico decisamente no light, o con una insalatina di stagione per ammortizzare il conteggio delle calorie. La Cotoletta di platessa in salsa tartara è un must dei finger food, gli sfiziosi assaggini da presentare in un buffet in piedi, o da spiluccare tutti insieme con un buon bicchiere di vino bianco. Il fritto è irresistibile solo se è croccante: ricordatevi dunque che per ottenere una Cotoletta di platessa in salsa tartara a dovere, croccante e asciutta, l’alimento deve galleggiare nel grasso di cottura e rivoltarsi senza toccare il fondo, senza caricare la padella di troppi cibi per evitare l’abbassamento della temperatura. Quindi, dovrà essere salata all’ultimo istante, servita calda e mai coperta con piatti che favorirebbero il formarsi di umidità. Per sapere se l’olio è abbastanza caldo, provate questo trucchetto di Spadellandia: adagiate in padella un pezzo di verdura, se viene a galla sfrigolando vivacemente è il momento giusto per mettere in campo la vostra Cotoletta di platessa in salsa tartara. Un bocconcino tira l’altro… Chi si tira indietro?

I consigli di Lia

● I filetti di pesce, freschi o surgelati, sono molto pratici, perché sono già puliti e pronti per essere cucinati. Bisogna però stare molto attenti alla loro freschezza, che non sempre è facile da controllare. Inoltre è facile trovare in commercio specie che ci possono venire spacciate per altre e provenire da mari esotici. Un consiglio sempre valido è quello di leggere bene le etichette, che forniscono sempre molte informazioni; è molto importante anche rivolgersi a negozianti di fiducia, che ci potranno dare garanzie valide sulla freschezza e la provenienza del pesce che ci vendono.

Ricetta di Lia Pisano
{{ reviewsTotal }}{{ options.labels.singularReviewCountLabel }}
{{ reviewsTotal }}{{ options.labels.pluralReviewCountLabel }}
{{ options.labels.newReviewButton }}
{{ userData.canReview.message }}

Lista della spesa

Inviati per email un promemoria degli ingredienti da acquistare