Pesto alla genovese

Difficoltà
Costo
Calorie a porzione
210 kcal

Indice dei Contenuti

Difficoltà
Costo

Ingredienti

Dosi per

4 porzioni







• Lavate il basilico (se possibile genovese) in acqua fredda, poi fatelo asciugare su un telo pulitissimo.

• Pestate nel mortaio uno spicchio d’aglio di qualità dolce ogni 30-40 foglie di basilico; unite poi qualche granello di sale grosso e continuate a pestare con il pestello.

• Ora potete aggiungere le foglie di basilico ormai asciutte, poche alla volta, pestandole nel mortaio con un movimento rotatorio e prolungato. Il gesto deve essere dolce e proseguite finché le foglie emetteranno il loro liquido verde.

• A questo punto unite i pinoli e continuate il movimento rotatorio.

• Aggiungete poi i formaggi (parmigiano, pecorino sardo) e poi l’olio extravergine di oliva, versato poco alla volta, dal sapore non troppo accentuato per non sovrastare gli altri sapori.

Il Pesto alla genovese è una ricetta ligure, e una delle salse della cucina italiana più famose. Provatelo nella versione con il mortaio: classicissima!

I consigli di Carla

• Il pesto così ottenuto andrebbe utilizzato subito tutto, ma si conserva per un paio di giorni in frigo, coperto da uno strato di olio e in un barattolo a chiusura ermetica.

• Quello che abbiamo proposto è il metodo tradizionale per ottenere il pesto, che in questo modo avrà un colore e un sapore unici. Se però non avete tempo, potete anche preparare il pesto con il mixer: non sarà proprio come quello proposto, ma sempre buono e saporito. Le dosi sono quelle indicate nella ricetta. Versate nel mixer i pinoli, l’aglio sbucciato e spezzettato e un pizzico di sale grosso; poi azionatelo a scatti, fino a ottenere un composto ancora leggermente granuloso. Aggiungete le foglie del basilico lavate e ben asciugate e frullate per pochi secondi. Unite il parmigiano e il pecorino (ma potete usare anche solo parmigiano) e l’olio, poi azionate ancora il mixer finché tutto sarà amalgamato, ma non eccessivamente cremoso. Se volete, potete congelare il pesto, ma senza aggiungere il formaggio, che unirete dopo lo scongelamento e prima di condire il vostro piatto.

Ricetta di Carla Marchetti
{{ reviewsTotal }}{{ options.labels.singularReviewCountLabel }}
{{ reviewsTotal }}{{ options.labels.pluralReviewCountLabel }}
{{ options.labels.newReviewButton }}
{{ userData.canReview.message }}

Lista della spesa

Inviati per email un promemoria degli ingredienti da acquistare