Pizza Napoli verace

Pizza Napoli verace
Difficoltà
Costo
Tempo di preparazione
1 h
Tempo di cottura
12 min
Tempi aggiuntivi
6 ore di riposo
Calorie a porzione
815 kcal
3
4.7/5

Indice dei Contenuti

Ingredienti

Dosi per

4 porzioni
  • Impasto per Pizza gluten free

  • Impasto per Pizza senza lievito con bicarbonato

  • Per l'impasto




    Per la farcitura





    • Preparate l’impasto. Sciogliete il sale nell’acqua (che sarà a 20°-22°C), aggiungete circa il 10% della farina e poi sbriciolatevi il lievito e fatelo sciogliere.

    • Versatevi il resto della farina poco alla volta, girando con il cucchiaio per 10 minuti, finché sarà tutta assorbita.

    • Iniziate a impastare con una mano e con l’altra tenete ferma la ciotola. Fate un movimento circolare, prendendo l’impasto da sotto, girandolo sopra e schiacciandolo con il palmo.

    • Quando l’impasto si staccherà dalle pareti della ciotola, trasferitelo su un piano leggermente infarinato.

    • Continuate a lavorare con le mani e non ‘strappate’ mai la pasta per non rovinare la maglia glutinica.

    • Quando l’impasto sarà liscio e soffice, appena umido e leggermente elastico, ponetelo nella ciotola, copritelo con un panno umido e fatelo lievitare a 24°-27°C, senza correnti d’aria per circa 2 ore, finché sarà raddoppiato.

    • Lavorate ora l’impasto più delicatamente per dargli una forma tondeggiante. Dividetelo in filoni e formate dei pezzetti che pesino 160-180 g.

    • Arrotolate ogni pezzo di pasta e chiudetelo alla base, appoggiateli poi, distanziati tra loro, in un contenitore largo e con pareti abbastanza alte. Coprite con coperchio o pellicola e fate lievitare per 4-6 ore come in precedenza.

    • Dividete i vari pezzi con la spatola, stendetene uno premendo delicatamente con le dita (senza usare matterello o altro). Ruotate poi varie volte il cerchio che si formerà, mettendo le mani al di sotto, e fate movimenti dal centro verso l’esterno: spingerete l’aria dell’impasto verso i bordi. Il “cornicione” deve essere alto 1-2 cm e la parte centrale poco meno di ½ cm. Ripetete con un altro pezzo di impasto, via via che avrete cotto la pizza precedente.

    • Versate un mestolo e mezzo di passata di pomodoro (già salata) sulla superficie, ma non sul cornicione. Spezzettatevi delle foglie di basilico e poi cospargetevi una parte del fiordilatte tritato grossolanamente.

    • Condite con un giro di olio e infornate subito alla massima temperatura che il vostro forno raggiunge e per  12-15 minuti. Giratela 2-3 volte, senza tenere troppo lo sportello aperto per non abbassare la temperatura.

    Quanto è buona la Pizza Napoli verace, soprattutto quando è ben calda! Le pizze tradizionali, le focacce e le preparazioni salate come la Pizza Napoli verace, sono le più amate e diffuse. La Pizza Napoli verace è una preparazione sfiziosa e saporita, da gustare in tutte le occasioni: per una cena in famiglia ma anche come spuntino goloso o antipasto finger food servita a tocchetti. Ne esistono di mille varianti, ma la ricetta della Pizza Napoli verace è tra le più riuscite e accontenta davvero i gusti di tutta la famiglia (bambini in primis, ovvio!). Deliziosa ed economica, facile e veloce da preparare (anche all’ultimo minuto), la Pizza Napoli verace avvolge con il suo profumino tutta la casa, preparata in forno, quando i più piccoli aspettano la merenda e si ha voglia di qualcosa di fragrante da spilluzzicare. Se vi piace portare in tavola prodotti da forno buoni e ancora fumanti, questa Pizza Napoli verace farà la vostra (e non solo) gioia!

    I consigli di Carla

    • La cottura di questa pizza dovrebbe avvenire in forno a legna, a una temperatura di circa 485°C, per 60-90 secondi. 

    • La pasta per la pizza così preparata, può essere utilizzata fino a 6 ore dopo l’ultima lievitazione. In caso contrario va messa in frigo, ma così perderà parte delle sue caratteristiche.

    • La pizza napoletana è tondeggiante, con un diametro di circa 30-35cm, e deve restare morbida ed elastica, così da poterla piegare in 4, “a portafoglio”.

    • Vi accorgerete che la pasta è ben lievitata se il panetto è cresciuto più in larghezza che in altezza. Il panetto è pronto per essere steso quando non oppone resistenza e non ha il classico “effetto molla”, cosa che si verifica quando tende a tornare alla posizione iniziale.

    • Per questa pizza è bene usare farine con abbastanza “forza”, dai 280 ai 320W, ricche di glutine così trattengono più anidride carbonica e sono resistenti a lunghe lievitazioni. 

    Ricetta di Carla Marchetti
    {{ reviewsTotal }}{{ options.labels.singularReviewCountLabel }}
    {{ reviewsTotal }}{{ options.labels.pluralReviewCountLabel }}
    {{ options.labels.newReviewButton }}
    {{ userData.canReview.message }}

    Le ricette del giorno 23 febbraio 2024

    Lista della spesa

    Inviati per email un promemoria degli ingredienti da acquistare