Dissalatura del baccalà

Dissalatura del baccalà
Difficoltà
Costo
1
5.0/5

Indice dei Contenuti

Ingredienti

Dosi per

1 porzione


Le indicazioni sul tempo necessario di ammollo per dissalare il baccalà variano a seconda della grandezza dei filetti. Se il peso del baccalà è ingente o se è stato sotto sale a lungo, ammollatelo per un giorno in più rispetto alla procedura indicata qui sotto, cambiando l’acqua più spesso. 

• Per prima cosa il baccalà va spazzolato per eliminare il sale in eccesso. A questo punto ponete il filetto di baccalà sotto un getto di acqua fredda.

• Disponete il pesce in un contenitore capiente e profondo di vetro e ricopritelo di acqua fredda fino a quando non vi sarà immerso. Con questo metodo il sale si scioglierà e le fibre si gonfieranno, mentre le carni seccate nel processo di conservazione si ammorbidiranno.

• Coprite la ciotola con pellicola trasparente e riponete nella parte meno fredda del frigo. Lasciate riposare il baccalà per 8 ore.

• Passato il tempo, sciacquate il baccalà sotto acqua fredda una seconda volta e riponetelo nel contenitore di vetro pulito e colmato di nuova acqua fredda. Coprite con pellicola alimentare e riadagiate il contenitore in frigorifero.

• Ripetete l’operazione una terza volta e poi, se è sufficientemente ammorbidito, rimuovete la pelle tirandola dalla testa verso la coda (questa operazione può essere eseguita anche dopo 12 ore o appena il filetto inizia ad ammorbidirsi).

• Ripetete l’operazione 3 volte al giorno per 3 giorni. Una volta conclusa la procedura, scolate il vostro baccalà. 




 

Dissalatura del baccalà: ecco la procedura spiegata step by step per eliminare definitivamente tutto il sale dai vostri filetti, senza sbagliare una mossa!

I consigli di Valentina

Un trucco è quello di far “precipitare” il baccalà nell’acqua con l’aiuto di un peso per tenerlo sempre immerso.

• Un’altra variante della dissalatura è quella di mettere il pesce all’interno del recipiente sotto un getto sottile ma continuo di acqua fredda, così da permettere il ricambio di acqua e tempi di dissalatura più brevi.

• Una volta che si è ben ammorbidito, procedete con il taglio che dovrà seguire la linea della lisca centrale; una volta diviso in due, potete tagliarlo come suggerisce la ricetta.

Ricetta di Valentina Mosco
{{ reviewsTotal }}{{ options.labels.singularReviewCountLabel }}
{{ reviewsTotal }}{{ options.labels.pluralReviewCountLabel }}
{{ options.labels.newReviewButton }}
{{ userData.canReview.message }}

Lista della spesa

Inviati per email un promemoria degli ingredienti da acquistare